Riflessioni sulla settimana a Stoccarda

Questa esperienza mi ha insegnato che in Germania, ci sono molte possibilità dal punto di vista lavorativo e dal punto di vista culturale. I primi giorni erano difficili perché dovevo migliorare la mia lingua tedesca e avevo paura di sbagliare. Poi, ho imparato a parlare bene, mi sono ambientato in una grande città come Stoccarda e soprattutto, ho trovato nuovi amici e ho imparato a vivere come un tedesco. I monumenti e i musei che ho visitato mi sono piaciuti molto e la scuola era bellissima e tecnologica. Sono felice di aver visitato un altro  mondo e spero di tornare un'altra volta. 

Marco Albrizio 


19 aprile 2015. Data indimenticabile. Un’esperienza tanto attesa da tutti che ci ha aiutato a crescere interiormente e ad allargare i nostri orizzonti. Ho conosciuto dei ragazzi straordinari con cui ho condiviso tante emozioni. Ci siamo legati tantissimo e il nostro rapporto continuerà a durare. È evidente che il progetto è andato a buon fine ma oltre a ciò ho notato numerose differenze tra il mio paesino e Stoccarda che, a confronto, è una grande città. Mi sono accorta della puntualità e della fiscalità della gente. Ho visto in tram bambini che viaggiavano soli e quindi mi sono fatta un’idea della sicurezza in cui vivono. Ho imparato più o meno come si svolge la vita dei nostri amici tedeschi e penso di aver migliorato la pronuncia della lingua straniera. È stato entusiasmante, assolutamente da rifare, interessanti e formative sono state le attività del progetto che hanno contribuito a farmi un’idea sul mio futuro.  

Aurelia Mastrapasqua 


Questa esperienza è stata decisiva perché mi ha aiutata a crescere sia culturalmente che moralmente. Ho imparato a gestire il mio tempo e a conciliare i miei impegni rispettando soprattutto gli impegni altrui, ho capito che per vivere in una grande città è utile essere organizzati, puntuali, saper gestire il proprio denaro e le proprie necessità, essere attenti ad ogni eventuale pericolo. Ho conosciuto delle persone fantastiche fuori dal contesto scolastico con cui ho condiviso emozioni fortissime e grazie alle interazioni con i corrispondenti tedeschi della scuola “K. Katharina Stift” sono migliorate le mie capacità nell’uso della lingua tedesca e ho imparato tantissime parole e frasi idiomatiche nuove. Grazie anche ai vari incontri con degli esperti del settore lavorativo sono riuscita a chiarire la mie idee a proposito dei miei piani futuri. Sono soddisfatta e contenta di aver dedicato tempo prezioso della mia vita a questi momenti meravigliosi e importanti. Mi reputo fortunata per aver avuto la possibilità di partecipare a questo Erasmus Plus con tutti i ragazzi della mia classe e i ragazzi tedeschi.  

Chiara Ricchiuti 


Penso che sia stato un viaggio molto interessante soprattutto perché ho conosciuto nuove persone, diverse mentalità e visitato bellissimi posti pieni di rispetto per la natura e per l’ambiente.   Nonostante non abbia avuto un corrispondente, credo che sia stato un viaggio indimenticabile.  

Rosalba Misino

 

Questa settimana è stata per me molto importante. Per prima cosa è stata la mia prima volta in Germania.  
Qui ho conosciuto persone fantastiche che resteranno per sempre nel mio cuore. Ho assaporato nuovi cibi e  ho conosciuto una nuova cultura, prima per me sconosciuta. Ma cosa più importante, ho trovato un fratello in Germania. Ho imparato come muovermi in una grande città come Stoccarda, prendere l’U-Bahn 
e che l’Italia è l’unico paese in cui ti danno un bicchiere d’acqua con il caffè. Ho capito come funziona il lavoro in Germania e che lì ci sono molte possibilità lavorative, per questo motivo sono sempre più sicuro che il mio futuro è molto lontano dall’Italia, perché no, anche a Stoccarda. 

Corrado Misino 


Viaggio stupendo dove si è vissuta un’esperienza del tutto nuova poiché la mentalità delle persone tedesche  è molto diversa rispetto a quella degli italiani. Sicuramente la natura è parte fondamentale della città. L'unico difetto forse è stato il cibo che non ho particolarmente apprezzato.

Debora  Buonanno 


È stata un’esperienza magnifica .Mi sono immersa nella cultura tedesca , e non avrei desiderato altro. Questo viaggio è stato  un’opportunità per migliorare la lingua e sentirmi parte di un ambiente internazionale. Inoltre , svolgendo varie attività di orientamento , ho avuto la possibilità di avvicinarmi al mondo dello studio e del lavoro tedesco che mi ha particolarmente interessato.  

Dominique Ciccolella 


Ringrazio la scuola e le professoresse per questa opportunità.  E’ stata un’esperienza ricca di amicizia, coesione e cultura. Spero che altri studenti possano partecipare a questo tipo di attività e viverle con lo stesso entusiasmo.  

Eleonora Dell’Olio 


E‘ stata un’esperienza  di crescita personale, linguistica e culturale. Abbiamo avuto la possibilità di creare amicizie durature e di formarci in vari campi. Spero che altri studenti possano avere la stessa opportunità. 

Gabriella Rigante 


“Personalmente, ho trovato questo progetto molto interessante, perché mi ha permesso di immergermi in una cultura apparentemente differente dalla mia, ma con la quale in realtà ci sono molti punti di contatto. In questi 10 giorni ho avuto la possibilità di parlare correntemente in lingua tedesca, arricchendo così il mio lessico. Abbiamo svolto diverse attività didattiche e formative che non solo hanno contribuito al raggiungimento finale del progetto, ma anche e soprattutto ad unirci come gruppo al di là della nostra nazionalità. Questo progetto mi ha dato la possibilità di conoscere persone che altrimenti non avrei mai incontrato. In particolar modo con la mia corrispondente si è instaurato un bellissimo rapporto di amicizia che quasi sicuramente avrà modo di essere coltivato. 

Shanita Lucia Desai  


Non avrei mai pensato che con un semplice scambio culturale, avrei potuto imparare così tanto. E’ stata un’esperienza indimenticabile : ho conosciuto persone meravigliose che porterò nel cuore a vita. Non ho avuto niente da ridire, tutto fantastico in particolare la città, così ricca. Ed è così che sono tornata a casa: ricca. Un nuovo bagaglio culturale da depositare nelle cose che non dimenticherò mai. Giornate intense, molto impegnative che mi hanno insegnato a vivere in una città così diversa dalla mia. Personalità così diverse ma nel profondo così vicine che mi hanno accolto come fossi parte della loro famiglia. Ho trovato una sorella, la sorella che non ho mai avuto. Questo era solo un arrivederci.  A presto famiglia e Stoccarda. 

Adriana Abbascià 


Grazie a questo scambio ho capito che con esso si possono stringere relazioni forti e alcune davvero molto importanti, e avere la possibilità di migliorare le proprie conoscenze linguistiche ed informarsi su studio e lavoro. Vorrei ringraziare le insegnanti tedesche e italiane, il gruppo dei ragazzi italiani e soprattutto quello tedesco, mio ‘’fratello’’ Joshua e la sa fantastica famiglia ed infine la città di Stoccarda che mi ha permesso di porre le basi per stabilirmi all’estero dal 2016 e che mi ha fatto capire che il mio futuro è lì, perché lì ho lasciato troppe cose importanti e il mio cuore. 

Valerio Bellarte 


È stata un’esperienza entusiasmante. Auguro a tutti di vivere un’esperienza di scambio almeno una volta nella vita, perché credo che questi viaggi ti formino e ti segnino per tutta la vita.  

Mi sono molto affezionata ai ragazzi e spero che la nostra amicizia duri per molto tempo.  

Questa esperienza mi ha fatto crescere e imparare molte cose, sono molto contenta e soddisfatta. 

Valeria Leone 

 

Questo scambio ha lasciato un segno indelebile dentro di me. Ho conosciuto delle persone fantastiche come “la mia famiglia tedesca” . Grazie a questo progetto ho capito che la Germania offre molte opportunità di lavoro ai ragazzi per il loro futuro: ciò mi ha convinta ancora di più che il mio futuro sarà in questo paese.  

Luana Camilla Cancelliere 

 

Questo scambio è stata una dell’esperienze più impegnative che ho fatto. Posso dire senza dubbio di aver imparato molto combinando l’impegno al divertimento. Ho scoperto uno stile di vita nuovo, apprezzandone le differenze dal mio. Auguro a tutti di vivere quest’esperienza nel posto giusto, nella famiglia giusta con il gruppo giusto; proprio come è successo a me!  

Maria Francesca Colucci 


Stoccarda è una città splendida ma ancora di più lo sono le persone che abbiamo incontrato. Ho partecipato ad uno scambio e ho trovato nuovi amici. Auguro a tutti di vivere un’ esperienza come questa e di trovare una corrispondente come la mia che ormai è praticamente una sorella. Non è stato solo uno scambio ma soprattutto un’ opportunità di crescita.  

Silvia Pugliese 


Grazie a questa esperienza ho conosciuto delle persone fantastiche e ho avuto l’opportunità di migliorare il mio tedesco . Inoltre ho vissuto la vita in maniera diversa, abituandomi ai loro modi di fare e al loro modo di vivere. In questo modo ho conosciuto nuovi aspetti della vita e nuovi aspetti di una cultura ancora da scoprire. Grazie a tutto quello che abbiamo imparato possiamo migliorare noi stessi.  Spero che tutti possano vivere questa esperienza e provare emozioni che non si vivono  tutti i giorni. 

Simona Quacquarelli 


Questo progetto ha smosso ogni cosa. Ho conosciuto persone, visto luoghi e fatto esperienze che faranno per sempre parte di me. Ho allargato i miei orizzonti capendo molto sul mondo dell’istruzione come su quello del lavoro. È stato strano, capire  come i modi di vedere e di vivere le stesse cose  fra due società siano agli antipodi ma trovare qualcuno, nel mio caso una sorella, che pensi e dica le stesse cose che pensavo essere l’unica a pensare.  

Aurora Valentini 

Credo che il progetto ERASMUS PLUS sia un’esperienza che tutti gli studenti di lingue dovrebbero fare. All’inizio ero un po’ preoccupata ,poiché non sapevo cosa mi aspettasse,ma una volta aver iniziato questo progetto(prima ospitando e poi andando in Germania) ho capito quanto sia istruttivo e interessante svolgere progetti come questo. Non posso dire che sia stato facile parlare in lingua,ma in qualche modo ce l’abbiamo fatta tutti. Anzi si è rafforzata sempre più  la mia idea; è facile studiare a scuola la grammatica,la letteratura e svolgere bene i compiti in classe, ma la vera prova del nove è proprio quella di trovarsi a contatto con una realtà differente e in un luogo dove pochissimi parlano la tua lingua e ciò  ti porta a dover parlare per forza, in qualunque modo. Inoltre,questo progetto ci ha dato la possibilità di conoscere tanti ragazzi ,con cui stringere amicizia, e famiglie gentilissime. Ci siamo avvicinati sempre più al mondo del lavoro,attraverso incontri con esperti e visite presso industrie. Penso che questa esperienza non solo abbia rafforzato il mio tedesco, ma abbia,anche, cancellato la paura di parlare e di sbagliare. e,inoltre,mi ha permesso di avvicinarmi sempre più al mondo del lavoro.

Ilaria Di Benedetto 

 

Il progetto Erasmus Plus  credo sia un’esperienza di cui tutti gli studenti italiani dovrebbero poterne usufruire. Conoscere se pur da lontano il meraviglioso mondo del lavoro e le formazioni da ricevere necessarie per entrare a farvi parte per dei ragazzi ignari a tutto ciò, ho constatato che può essere una vera esperienza di crescita e di apertura a tutto ciò che va oltre i nostri confini culturali e di vita quotidiana. Ritengo che tutto il lavoro svolto durante il Tandem Projekt e gli incontri con gli enti del ministero dell’istruzione siano stati fondamentali per l’orientamento allo studio e al lavoro. Nel nostro paese, infatti, non sempre è possibile purtroppo ricevere tutte le nozioni ricevute durante il nostro soggiorno in Germania. Finanziare esperienze simili di formazione ritengo sia sempre utile per lo studente e per il Paese stesso che fa maturare un cervello in grado di approcciarsi al mondo del lavoro con dedizione, conoscenze più approfondite in merito e una maggiore preparazione e chissà in grado di apportare un cambiamento sostanziale all’apparato amministrativo soprattutto del lavoro

 

 Dalila Nugnes 

 

 

I dodici giorni trascorsi in Germania a Stoccarda grazie al progetto Erasmus + hanno significato un’esperienza unica ed irripetibile per me e per la mia crescita personale da tutti i punti di vista. Oltre ad aver trascorso dodici giorni piacevoli e indimenticabili con gli studenti tedeschi, abbiamo seguito un percorso di orientamento allo studio e lavoro, un percorso che ci ha mostrato una nuova realtà e che ci ha trasmesso l’importanza e delle nostre scelte attuali, che si rifletteranno nel nostro futuro. L’erasmus + è stato un progetto che ci ha formato, ci ha aperto gli occhi sulla realtà che ci circonda, dunque un’esperienza che non avremmo mai potuto vivere se non fosse stato per questa grande opportunità. Personalmente ora darò il giusto peso alle mie decisioni future, proiettando la mia mente verso quello che sarà il mio futuro, grazie ai vari incontri svolti con persone qualificate durante questo viaggio. Oltre ad aver compreso l’importanza di ciò, ho potuto completamente immergermi nella cultura e nello stile di vita tedesco, adottandone le abitudini, i ritmi e i modi di fare. Un mondo che in origine consideravo molto distante da me, dalla mia cultura e dal mio paese, ma che mi ha affascinato in una maniera impressionante. Naturalmente ho potuto mettere in pratica e perfezionare la mia conoscenza della lingua tedesca, assumendo maggiore sicurezza e padronanza. Ovviamente anche le famiglie ospitanti hanno reso questi dodici giorni piacevoli e sereni, grazie alla loro disponibilità e al loro affetto! Vivere per un così lungo periodo a Stoccarda ha rappresentato un momento chiave e fondamentale nella mia vita, un’esperienza che porterò sempre nel cuore e non dimenticherò mai.

 

Laura Cassanelli

 

L’esperienza fatta in Germania è stata pienamente formativa. Mi ha insegnato a crescere , mi ha fatto capire cosa vuol dire essere a contatto con gli altri , mi ha spronato ad apprendere sempre meglio una lingua straniera che richiede molto impegno . Ho imparato ad essere più responsabile e indipendente per un possibile futuro pieno di ostacoli, ma anche di soddisfazioni e gioie .Rifarei altre mille volte l’Erasmus Plus che ha arricchito il mio bagaglio culturale , e se ci sarà l’opportunità di andare altrove sarò anche lì.

Claudia Lamanuzzi

 

La mia esperienza in Germania è stata molto positiva da tutti i punti di vista perché mi ha insegnato una nuova cultura e un nuovo stile di vita, ed anche a migliorare il mio livello di conoscenza della lingua. Ho imparato ad essere più autonoma e responsabile ma anche a sapermi gestire in una città più grande di Bisceglie. Grazie a questa esperienza ho capito che bisogna avere delle idee chiare dal punto di vista lavorativo e sicuramente mi ha aiutato a chiarire di più quello che vorrò fare nel mio futuro. Ho imparato a non avere pregiudizi sul modo di vivere dei paesi esteri e a sapermi adattare facilmente quando ci sono diverse condizioni di vita. Questo viaggio mi ha aiutato a creare delle amicizie estere molto forti che sicuramente potranno continuare nel futuro. Rifarei questa esperienza mille volte perché fa aprire la mente e aiuta ad ampliare la cultura personale ma soprattutto per la gentilezza della famiglia e della mia corrispondente che mi hanno ospitato e che mi hanno insegnato tantissime cose.

 

Sara Simone

 

Personalmente ho trovato che questa sia stata un’esperienza completa sia nell’ambito didattico che personale. Questo progetto si è basato principalmente sul tema “lavoro” offrendoci l’opportunità di scoprire e approfondire meglio i vari campi lavorativi e arricchire il nostro bagaglio lessicale. Abbiamo trascorso dodici giorni in assoluta serenità grazie anche all’aiuto delle famiglie ospitanti di Stoccarda che ci hanno accolti un po’come se fossimo dei loro “figli”. Per quanto riguarda i nostri corrispondenti tedeschi penso di aver lasciato a Stoccarda degli amici su cui poter contare e fare sempre affidamento. Consiglio di fare quest’esperienza almeno una volta nella vita e di sfruttare questa opportunità al meglio proprio come abbiamo fatto.

 

Adriana Storelli 

 

Penso che quest’esperienza sia stata molto positiva perché mi ha aiutata a crescere,a visitare altri luoghi, a conoscere e confrontarmi con tradizioni diverse rispetto a quelle di cui sono abituata, ma soprattutto a migliorare e sviluppare le mie conoscenze della lingua tedesca. In questi giorni ho dovuto affrontare un’altra realtà e approcciarmi a nuove abitudini e credo che siano riuscite abbastanza bene. Tutto questo mi ha portata a credere più in me stessa e dire che ogni esperienza di questo genere, possa fare nella vita, servirà a qualcosa in un futuro. E’ una piccola tap

pa del mio curriculum che sicuramente terrò molto a cuore, anche dal punto di vista delle amicizie che si sono create. Consiglio a tutti di immergersi in questa opportunità perché è qualcosa che infonde sicurezza in se stessi, vantaggi e possibilità. E’ infatti un orientamento allo studio e al lavoro che da certezze sia dal punto di vista scolastico sia in quello lavorativo.

 

Elisa Mastrapasqua  

 

Il progetto “Erasmus +” avente come tema l’orientamento allo studio e al lavoro, mi ha permesso di comprendere meglio la realtà del giorno d’oggi e anche le esperienze future che un corso di formazione può offrire.  Penso sia stata un’esperienza irripetibile e formativa per la crescita di noi studenti. Quest’esperienza è stata molto formativa, soprattutto per quanto riguarda la lingua tedesca, poiché ho messo in pratica ciò che ho studiato per quasi 4 anni: a primo impatto pensavo di non sapere più nulla, ma in dodici giorni  ho potuto mettere in pratica ciò che avevo studiato in passato ma ho anche imparato nuovi termini. Per me  è stato anche molto importante cimentarsi in una realtà completamente, o quasi, diversa dalla nostra adottando nuovi ritmi e stili di vita.  Questi dodici giorni sono trascorsi in maniera serena, grazie alla calda accoglienza delle famiglie tedesche che si sono rese sempre disponibili per ogni eventuale problema e affettuosi  accogliendoci in casa loro come dei figli! Questo progetto ha rappresentato un’esperienza irripetibile e fondamentale per la mia formazione  che ricorderò per sempre e che porterò sempre nel cuore!

 

Margherita Monopoli

 

Quest’esperienza è stata veramente una grande opportunità sia dal punto di vista linguistico che su quello formativo e personale.   Grazie al progetto Erasmus plus ho potuto visitare una città stupenda come Stoccarda ad un prezzo quasi nullo . Sono riuscita  a mettere in pratica le mie competenze linguistiche, fino ad allora provate solo in campo teorico.  Ho avuto la possibilità di sviluppare un grande spirito di adattamento confrontandomi alle volte con una cultura, per certi aspetti, diversa dalla mia. Quest’esperienza mi ha permesso di ampliare gli orizzonti delle mie amicizie e di crescere a livello personale, dandomi quel senso di libertà e autonomia che fino ad ora non ero riuscita a respirare a pieno. Ricorderò sempre questo viaggio con grande nostalgia ed è proprio grazie a questo progetto che sono riuscita ad immedesimarmi meglio nel mondo del lavoro che fino a qualche tempo prima vedevo così lontano. Personalmente non penso di aver ancora ben chiaro  il mio futuro ma certamente sono riuscita ad avvicinarmi a ciò che sarà, con idee molto meno confuse rispetto a quando sono partita,  anche grazie ad una serie di incontri con personale qualificato e molto disponibile. Ho , in oltre, compreso l’importanza che ha la lingua tedesca in ambito lavorativo.  Dodici  giorni sono passati velocemente e sono stati piacevoli. Consiglierei vivamente a tutti coloro che conosco un viaggio del genere perché riesce a formare meglio la persona che siete o che volete essere.

 

Martina Maglio

 

L’esperienza personale che ho vissuto in Germania, si è rivelata costruttiva da un punto di vista culturale,umano e formativo. Culturale perchè in questo scambio ho potuto apprezzare la differente cultura tedesca  e notare quanto questo paese sia pieno di risorse e soprattutto sia ben organizzato in ambito lavorativo. Le capacità organizzative e il profondo rispetto delle regole di questo paese saltano all’occhio. Sebbene all’inizio sia difficile restare lontano da parenti e amici e stringere un rapporto con la famiglia in cui si sta,mi sono resa conto di quanto io mi sia messa in gioco nel momento in cui dovevo parlare,chiedere o semplicemente dare una mia opinion( e non solo in famiglia). Per me c’è stato sin da subito un buon approccio cin la mia Gast-Familie,soprattutto per il loro essere comprensivi e di mentalità aperta. In questo è compreso il lato umano,l’accettare e comprendere le altre culture, nonostannte queste non ti appartengano devi immergerti in una nuova realtà e farla tua. L’altro riscontro positivo di questa esperienza(quello formativo) è la sperimentazione di tutto quel che si è studiato della lingua ma non solo, è anche la volontà di imparare ciò che non si conosce,non essere timidi,sfruttare le proprie conoscenze e non arrendersi al primo fallimento. È stata un’esperienza  formativa in quanto mi ha aperto la mente su nuove possibilità e nuovi orizzonti lavorativi… Inoltre questo progetto ci ha permesso di stringere profonde amicizie con i partner tedeschi,come nel mio caso in quanto ne ho tratto un legame affettivo. Penso che mi piacerebbe ripetere molte altre volte quest’esperienza,perchè è un’esperienza che ti fa maturare e ti rende consapevole delle tue abilità e soprattutto della tua volontà  nel metterti in gioco. Sicuramente consiglierei a tutti di fare la mia stessa esperienza,se fosse possibile perchè sicuramente sono molte le cose che si imparano da un viaggio del genere e almeno nel mio caso non si torna insoddisfatti.

Monica Ricchiuto

 

Il progetto ERASMUS PLUS ha avuto un riscontro abbastanza positivo in quanto mi ha permesso di confrontarmi con la realtà di un paese che non è il mio. Mi ha fatto capire quello che accomuna la Germania e l’Italia ma anche le molte differenze che non sono di certo impercettibili; per esempio la puntualità che caratterizza il posto,la vita frenetica e organizzata di questo paese e la loro mentalità aperta verso le persone straniere e di diverso gusto sessuale. E’ stato difficile inizialmente abituarsi ad un ambiente diverso,ad intraprendere uno stile di vita diverso e  a relazionarmi con gente con una differente mentalità.Io e la mia partner siamo riuscite a creare un rapporto e a capirci nonostante la mia difficoltà nel parlare la lingua e la timidezza che caratterizzava entrambe le parti. La famiglia è stata disponibile ma non era molto presente. La mia curiosità mi ha fatto sconfiggere la pigrizia e mi ha portato a visitare tanti posti nonostante la stanchezza.  Questa è un’esperienza che consiglierei a tutti perché mi ha aiutato sicuramente a crescere e ad essere più responsabile, a comprendere che ho uno spirito di adattamento abbastanza alto e anche a stringere amicizie con ragazzi che vivono in un’ambiente diverso. Nonostante le difficoltà,che sono state parecchie nel mio caso,non mi sono pentita della scelta di partire e rifarei questa esperienza magari da un altro partner che mi dia più possibilità di parlare la lingua tedesca.

 

Rossella Dell’Orco

 

Il progetto Erasmus plus anche quest’anno ha fatto centro nel nostro liceo.

La possibilità data a noi alunni da tutti i punti di vista è da considerare sicuramente una fortuna, poiché i vantaggi, a mio parere, sono stati e rimangono enormi. Oltre alla questione della lingua tedesca e del suo perfezionamento, ritengo che questa esperienza ci abbia arricchiti umanamente e anche dal prospetto culturale; imparare a convivere con l’altro ed aprire gli orizzonti richiede voglia di fare e desiderio di scoprire aspetti nuovi del mondo in cui viviamo. Perché non provare dunque ad accrescere non solo il proprio bagaglio culturale, ma anche quello di vita? Ne vale assolutamente la pena.

 

Cristina Di Ceglie   

 

Io ritengo che l’esperienza ottenuta con il progetto Erasmus Plus sia stata istruttiva per quanto riguarda sia il punto di vista linguistico, sia per quanto riguarda la vita di tutti i giorni. Sotto il punto di vista linguistico, essere immersi in un paese di lingua straniera stimola e obbliga lo studente a esercitare la lingua studiata, anche se la prima impressione è di non conoscerla per nulla. In seguito ci si abitua e ci s’immerge nella comunicazione tanto da introdurre nel vocabolario dello studente nuovi termini e di conseguenza ampliare il vocabolario. Si imparano modi di dire ed espressioni della lingua utilizzata giornalmente , a mio parere molto utili.

Per quanto concerne la vita quotidiana, all’inizio lo studente è disorientato poiché abituato a vivere in una piccola città dove ha tutto a portata di mano. Vivendo in una città grande si accorge di molte cose molto probabilmente a da lui ignorate prima come l’importanza del tempo.

In conclusione credo che questa esperienza sia molto valida per quanto riguarda la formazione dello studente e per me è assolutamente consigliabile e applicabile in quanto, poi, offre ottimi risultati.

 

Valeria Vecchio

 

 

Ritengo quest’esperienza formativa considerandola da due punti di vista. Il primo è strettamente didattico:  il rafforzamento delle conoscenze linguistiche. Trovandosi in Germania, l’alunno migliorerà le sue competenze comunicative, cercando di esprimersi nel miglior modo possibile; il solo ascolto passivo e l’intercomunicazione con madrelingua  sono presupposti fondamentali per l’approfondimento  del proprio livello di tedesco. Il secondo è individuale; lo studente, inserito in un contesto, in una cultura e in una mentalità completamente diverse da quelle consuete, aprirà di più la sua mente a nuove esperienze e considererà la realtà in modo diverso e più completo. Dovendosi orientare in una città straniera, perlopiù in una grande città come Stoccarda, l’alunno imparerà a diventare più autonomo e più responsabile.  L’esperienza in famiglia è stata piacevole, tutte le visite con tema ‘’lavoro’’ hanno avuto l’arguto obiettivo di inserirci prematuramente in un mondo di fronte al quale non ci si può trovare impreparati . Il ritmo della vita di Stoccarda ha scosso gli studenti dalla solita vita calma e tranquilla di Bisceglie e li ha trasferiti in una più movimentata e stancante, ma necessaria per chiunque voglia vivere in una grande città e uscire dagli angusti confini pugliesi. Tutto sommato, in una società  globalizzata come la nostra, il progetto ‘’Erasmus plus’’ è, non dico imprescindibile, ma di sicuro vantaggioso per ogni persona intrepida.
Luca Pellegrini 

 

“Chi parte per un viaggio ,al ritorno, non è mai la stessa persona che è partita”. Questa frase potrebbe descrivere la mia esperienza,ricca di emozioni e di nuove conoscenze sia dal punto di vista linguistico che dal punto di vista morale. Parlare in tedesco,adattarsi a un diverso stile di vita,diversa gastronomia..è una sfida con se stessi,che porta infine ad una maturazione vera e propria. E’ proprio grazie all’ Erasmus plus che ho potuto visitare questa magnifica città,Stoccarda, ma soprattutto è grazie a tutte le offerte formative che ci ha offerto se ora ho le idee chiare riguardo il mondo del lavoro e soprattutto di ciò che vorrò fare da grande.  Visitando la Bosch o facendo delle conferenze con delle persone addette all’orientamento,ho  avuto modo di guardare in prima persona  al mondo lavorativo,cosa che in Italia non si potrebbe fare con molta facilità. Personalmente mi sono resa conto di quanto sia migliore la vita in Germania e di quanto preferisca la puntualità,la pulizia,la mentalità (anche se a volte chiusa) dei tedeschi. Penso che questa sia un esperienza che tutti dovrebbero provare,perché rimane scritta sulla pelle e nella mente ma soprattutto perché facendo un resoconto alla fine del viaggio ci si rende conto che la tua persona è maturata di gran lunga rispetto all’inizio. Magari potessi ritornare indietro.. avrei fermato il tempo nel momento in cui stavo abbracciando la famiglia che mi ha ospitato e continuare a vivere quel magnifico viaggio interiore.

 

Angelica Amoruso